Branzino-al-sale-corretta

BRANZINO AL SALE

Per il branzino del pranzo tradizionale la cottura al sale marino è quella che meglio di ogni altra conserva il suo sapore: si cucinano in tal modo pesci raffinati a squame come il branzino, i saraghi, le mormore, le orate, i dentici. Il peso dev’essere al minimo di 400 g.

Non vi è limite per la grossezza perché con questo sistema il pesce non si secca.

Pulire i pesci senza squamarli, cercando di non romperli praticando una piccola incisione sul ventre.

Sistemare in una teglia da forno di alluminio 1 cm di sale marino appoggiarvi sopra il pesce e coprirlo abbondantemente con altrettanto sale (1 cm di spessore).

Infornare a 220° e calcolare una cottura della durata di 20 minuti per kg.

Il tempo della cottura diminuisce inversamente al peso del branzino.

A cottura ultimata portare il pesce in tavola e davanti ai commensali rompere il sale che si sarà fortemente rassodato.

Privare il pesce della pelle e servirlo solamente cosparso da un filino d’olio.

[Ricetta di Lucia Cuc].

da “Mangiare triestino” di Mady Fast

copertina Mangiare triestinoUna ricetta e una regione al giorno – da 01/01/2019

Notizie Correlate

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *

COPYRIGHT 2013 FUEL THEMES. POWERED BY: Factordev S.r.l. – TARKA edizioni srl, P.IVA 01364790459