poppe di monaca

POPPE DI MONACA

Siamo all’Impruneta. Stupenda la basilica di Santa Maria con il portico a cinque luci e il campanile merlato. Alla Madonna dell’Impruneta si rivolgevano i fiorentini nei momenti di grande pericolo.  Dal Trecento in poi venne trasferita a più riprese a Firenze per proteggere la città dalle pestilenze e dalle inondazioni. Durante l’ultima guerra la basilica è stata parzialmente distrutta da un insensato bombardamento.  Nel suo museo ci sono i migliori esemplari dell’oreficeria fiorentina del Cinquecento-Seicento.

La fiera dell’Impruneta è antichissima, la più rinomata della Toscana.  E per prima in Italia, l’Impruneta ha organizzato la festa dell’uva.

Ci sono molti tirami-tirami, dunque, per venire all’Impruneta. Non ultime le poppe di monaca.

La loro ricetta si avvicina a quella degli africani di Greve in Chianti. E anche questa l’ha raccolta Leo Codacci:

  • 6 rossi d’uovo per 500 grammi di zucchero
  • 40 di burro

Le poppe di monaca sono molto dolci. Sembra di leggere una novella del Boccaccio. E la crema ottenuta non va divisa nei bicchierini di carta ma adagiata con il cucchiaio, a grossi fiocchi, nella teglia unta con il burro.

Ci vuole attenzione, perché le poppe non si appiccichino una all’altra durante la cottura, quando emergono gonfie di dolcezza facendo pensare proprio a dei seni giovanili. Ma perché di monaca?

La risposta è semplice e deluderà i ghiottoni che nel gemellaggio fra gastronomia e sesso trovano un conforto poetico. Gran parte dei dolci antichi hanno origini conventuali. La stessa Caterina de’ Medici, lo ricordate?, imparò a confezionare i berlingozzi nel convento delle suore benedettine delle Murate.

da “La cucina fiorentina” – Aldo Santini

Tarka edizioni

Tarka edizioni

Una ricetta e una regione al giorno – da 01/01/2019

Notizie Correlate

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *

COPYRIGHT 2013 FUEL THEMES. POWERED BY: Factordev S.r.l. – TARKA edizioni srl, P.IVA 01364790459