SPEZZATINO DI CONIGLIO IN UMIDO ALLA VITERBESE

ingredienti per 6 persone

  • 1 coniglio spellato da kg 1,5
  • 200 g di pomodori pelati
  • 3 acciughe dissalate
  • Salvia
  • Prezzemolo
  • Olio
  • Vino
  • Sale
  • Aceto
  • Aglio
  • Peperoncino

Liberate il coniglio dalle interiora, eliminate la testa e le zampe e lasciatelo a bagno in acqua per una nottata, quindi tagliatelo a pezzi e asciugatelo.

In un tegame fate soffriggere in abbondante olio di oliva due spicchi di aglio, che eliminerete quando saranno imbionditi, aggiungete poi il coniglio a pezzi facendolo rosolare un poco ed irrorandolo con un bicchiere di vino, lasciatelo cuocere lentamente a tegame coperto, dopo aver aggiunto sale, mezzo peperoncino, qualche mestolo di acqua calda o brodo e due o tre cucchiai di pomodori passati, per dare maggiore sapore al sugo.

A cottura quasi ultimata unitevi un pesto fatto con aglio, prezzemolo, salvia, acciughe e aceto, completate la cottura, fate restringere il sugo e servitelo caldo.

Questa preparazione può essere considerata una variante del coniglio alla cacciatora; si differenzia per la presenza del pomodoro e l’assenza del rosmarino. Il suo uso è diffuso a Bagnaia, frazione del comune di Viterbo, conosciuta per la Villa Lante, fatta costruire alla metà del Cinquecento dal Cardinale Gambara e utilizzata successivamente come soggiorno estivo da altri Cardinali, che venivano a trascorrere in questo luogo ameno alcuni momenti di riposo e di … meditazione.

da “La cucina della Tuscia” – Italo Arieti

La cucina della Tuscia, di Italo Arieti, Tarka edizioni - copertina

Una ricetta e una regione al giorno – da 01/01/2019

Notizie Correlate

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati *

COPYRIGHT 2013 FUEL THEMES. POWERED BY: Factordev S.r.l. – TARKA edizioni srl, P.IVA 01364790459