cop I ragazzi dello stradone

I ragazzi dello Stradone

Una chiesa, un prete e una comunità che non c’è più

di Fabio Evangelisti

prefazione di Marco Ferrari

Edizione: 2019
illustrato
14×21 cm – brossura
Tot. pagine: 240
ISBN 978-88-99898-92-2
collana universolocale

€ 16,50

COD: 978-88-99898-92-2 Categorie: , Etichette: , , , , , ,

Descrizione prodotto

Solo chi ha un villaggio nella memoria può essere un cosmopolita. Chi non ce l’ha è un apolide

Ernesto De Martino

Penso alle trasformazioni di Borgo San Frediano a Firenze delle cui ragazze aveva scritto Vasco Pratolini, al Giambellino del bar cantato a Milano da Giorgio Gaber o alle auto parcheggiate che quasi impediscono l’accesso alla scalinata di viale Glorioso a Roma spesso ricordata dal regista Sergio Leone “[…] facevamo a sassate, ci battevamo contro quelli di Monteverde. Era la nostra via Pál e avrei voluto farne un film […]”. – dall’interno del libro

◼︎

“Chi si appresta a leggere Fabio Evangelisti – qui alla sua seconda fatica letteraria, ancora legata alla memoria – immaginerebbe di seguirne la sua evoluzione politica, sapendolo così legato alla stagione dei grandi partiti e della cultura politica. Ma non è così: I ragazzi dello Stradone è un ricamo fatto a mano di un ambiente unico che sa di periferia e città, di laicità e religione, di ritualità e avventurosità. […]

C’era un tempo in cui attorno alla via Aurelia ferveva la vita di paesi, città e villaggi: lungo la più bella arteria d’Italia che ci collegava al resto dell’Europa, senza matematici calcoli di costi-benefici, sorgevano trattorie, officine, comunità, da lì passavano eserciti e papi, pellegrini e viandanti, carri tirati dai buoi e camion, il Cantagiro e il Giro d’Italia. […]

Sino agli anni Sessanta-Settanta su questa strada sinuosa ed elegante si inerpicavano file di autoarticolati con destinazioni ignote, camioncini colmi di frutta, macchine francesi da contestazione studentesca e macchine italiane adatte a trasportare la classe proletaria oltre l’Appennino.

Lo “Stradone” di Massa, in fondo, non è che un tratto di questa Aurelia, anche se urbanizzato. Chiunque fosse passato in quel breve tratto di strada non avrebbe immaginato tutto il fermento che agitava quel quartiere che aveva un suo ritmo interno, unico, irripetibile, così diverso da quello della grande strada che lì transitava.”

dalla prefazione di Marco Ferrari

“Se descrivi bene il tuo villaggio parlerai al mondo intero”
Lev Tolstoy

Recensioni da Media

Il dubbio – 22 settembre 2019

Corriere fiorentino – 8 settembre 2019

Il Tirreno – 2 giugno 2019

Look Inside

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “I ragazzi dello Stradone”

L'autore

Fabio Evangelisti è nato a Massa nel ’54. Ha iniziato a scrivere quale corrispondente de “L’Unità”. Suoi interventi sono poi stati ospitati sulle pagine de “Il Tirreno” e del “Corriere della Sera”. La scrittura è la sua seconda passione. La prima è da sempre la Politica. Dopo gli anni della formazione e dell’impegno militante, ha iniziato un percorso che dai banchi del consiglio comunale l’ha portato a ricoprire incarichi istituzionali ai massimi livelli. Cinque legislature alla Camera dei Deputati. Si è particolarmente occupato di democrazia, migrazioni e diritti delle minoranze. È stato membro della Commissione Affari Esteri e dell’Osservatorio sui fenomeni della xenofobia e del razzismo. Fra le esperienze più rilevanti gli incarichi di Presidente della Delegazione Parlamentare al Consiglio d’Europa e alla Ueo (Organizzazione dell’Europa Occidentale) e Presidente del Comitato Bicamerale Schengen-Europol. Ha scritto "A Santiago c'è una piazza" (Tarka, 2017) e "I ragazzi dello Stradone" (Tarka, 2019).

COPYRIGHT 2013 FUEL THEMES. POWERED BY: Factordev S.r.l. – TARKA edizioni srl, P.IVA 01364790459